A 18 anni inventa l’app per la raccolta differenziata

13 09 2011

DSCN8423modificataDa oggi c’è un’App anche per imparare a fare la raccolta differenziata. L’ha inventata Francesco Cucari, 18 anni appena, di Rotondella, in provincia di Matera. Questo piccolo genio dell’informatica eco-compatibile, che frequenta l’ultimo anno di liceo scientifico, ha programmato il “Dizionario dei Rifiuti”, un’applicazione totalmente gratuita rivolta agli smartphone che utilizzano il sistema operativo Android. È disponibile, al momento, per oltre 400 dispositivi mobili.

A poco più di un mese dal lancio, i download “free” dal Market Android hanno già sfiorato il migliaio, e il trend non accenna a diminuire. «Quest’app nasce per aiutare tutte quelle persone che si trovano in difficoltà con la raccolta differenziata» racconta Francesco a Linkiesta. Spesso, infatti, con il sacchetto della spazzatura in mano, ci si chiede: «E questo dove lo butto?». Con il “Dizionario dei Rifiuti” mai più soste pensierose davanti ai bidoni colorati della raccolta differenziata che, con l’introduzione del sistema “porta a porta”, stanno progressivamente popolando le strade delle città italiane. «Chiedi a quest’app e saprai dove buttare ogni tuo rifiuto» assicura il giovane informatico.

L’applicazione funziona in tutta Italia. Il software preleva le informazioni sul corretto conferimento dei rifiuti direttamente dalle aziende che si occupano della raccolta differenziata, territorio per territorio: dall’Ama di Roma all’Amsa di Milano, passando dal Cidiu dell’hinterland torinese all’Acea di Pinerolo, e poi ancora Csa Ambiente, Basilicata Pulita, Asia Benevento e molte altre società. «In qualche caso bisogna accontentarsi di una semplice approssimazione, non esistendo ancora una regolamentazione uniforme per tutta l’Italia. Tuttavia – ci spiega il giovane inventore del Dizionario dei Rifiuti – l’applicazione è in continuo aggiornamento, e l’obiettivo è quello di consentire di conoscere per ogni comune il metodo di conferimento».

“Dizionario dei Rifiuti” è un’applicazione di facile utilizzo e molto intuitiva. Al momento dell’avvio, in un box di testo viene chiesto di selezionare la tipologia di rifiuto di cui si vuole conoscere la destinazione. Ce ne sono otto: umido, plastica, vetro, lattina, carta, secco indifferenziato, materiale pericoloso, materiale ingombrante. Poi basta cliccare sul tasto “getta” per ricevere immediatamente la risposta dell’App.

Ma l’applicazione viene in soccorso anche degli utenti più dubbiosi o confusionari. E si immagina che non siano pochi, vista la “rivoluzione” della abitudini quotidiane imposta dall’avvento della differenziata. «Qualora avessimo commesso un errore – dice Francesco – o avessimo inserito un termine troppo generico, come ad esempio “carta”, esiste la funzione “forse cercavi”, che ci suggerisce termini simili a quello desiderato. Come “carta unta”, “carta crespa”, e così via».

Sono più di 700 i singoli rifiuti che l’applicazione è in grado di riconoscere e destinare al bidone corretto. Inoltre, da buon programma “open source”, se il termine cercato non fosse ancora presente si può collaborare ad ampliare il Dizionario segnalando il termine non trovato attraverso opportune funzioni dell’applicazione, attraverso un sms o ancora un’e-mail.

Insomma, questa storia della raccolta differenziata Francesco l’ha presa molto sul serio. Qualcun altro, al posto suo, avrebbe forse provato a farne un business. Lui, nello spirito degli “Android developers”, ha scelto soltanto di essere utile agli altri. «C’è ancora tempo per pensare a cosa farò da grande. Prima mi aspetta l’esame di maturità».

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: