La storia di Mario, dalla Val d’Aosta al Congo

8 08 2011

IMG_0561Dalle Alpi alle piramidi, e ancora più a sud, per conoscere il mondo e magari contribuire a cambiarlo. È la storia di Mario Marcoz, 27 anni, dna valdostano e cuore cosmopolita, che si trova in questi mesi nella Repubblica del Congo per il servizio civile estero con la Comunità promozione e sviluppo, una onlus di Castellammare di Stabia (Napoli) che ha progetti di solidarietà e sostegno allo sviluppo attivi in Perù, Senegal, Guinea Equatoriale e, naturalmente, Congo. Dalla catena dell’Atlante alle pendici del monte Ararat, passando per Israele, Mario ha sempre interpretato il viaggio come un cammino a metà tra avventura e scoperta. Secondo l’anagrafe casa sua dovrebbe essere a Pila, località sciistica piuttosto conosciuta a pochi chilometri di tornanti da Aosta. Ma la casa è soltanto un indirizzo al quale farsi recapitare la corrispondenza per quelli che fanno del viaggio quasi una ragione di vita. Un viaggio che non finisce mai, che a parte uno zaino in spalla e un paio di scarpe comode non ha mai niente di certo, nemmeno la meta.

Un viaggio che significa incontrare e conoscere realtà e culture differenti, dando una mano come si può a quelli che si incontrano per strada, diventando cittadino del mondo, tappa dopo tappa. «Ora mi trovo a Brazzaville, capitale della République du Congo, meglio conosciuto come Congo-Brazzaville per distinguerlo dal molto più tristemente conosciuto Congo-Kinshasa o République Démocratique du Congo, ovvero l’ex Zaire» ci spiega. «Sono qui per svolgere il Servizio civile all’estero, una delle poche belle opportunità che il nostro Paese ancora ci riserva, che consiste precisamente in un contratto di un anno di cui almeno dieci mesi devono essere trascorsi all’estero». È proprio come il Servizio civile nazionale, racconta Mario, soltanto che viene prestato all’estero anziché in Italia. Lo Stato si appoggia a organizzazioni non governative per impiegare i ragazzi selezionati, che devono comunque avere meno di 28 anni. Ai giovani volontari, in aggiunta al contributo mensile normalmente previsto per il Servizio Civile Nazionale, viene riconosciuta una piccola diaria aggiuntiva per il mantenimento. Dal 2001 al 2010 sono stati avviati all’estero oltre 3mila volontari. Solo nel 2010 sono stati 438 i volontari partiti alla volta di 75 differenti Paesi esteri: in Africa, America, Asia, ed Europa, per essere impegnati in attività che riguardano assistenza, promozione culturale, cooperazione, interventi post-conflitto, ambiente.

A Brazzaville, sulle sponde del mastodontico fiume Congo, sono quattro i progetti seguiti dalla onlus per cui Mario lavora, che vanno dalla gestione di due orfanotrofi locali al sostegno della scuola elementare di un villaggio nella vicina foresta, dall’adozione a distanza di bambini e ragazzi fino ai 18 anni ad un progetto sperimentale di microcredito, che ha come obiettivo garantire l’accesso al credito alla fascia più vulnerabile della popolazione congolese. Ed è proprio di quest’ultimo progetto che si occupa Mario: «Il nostro progetto consiste nel prestare un piccolo capitale a dei beneficiari scelti per permettere loro di avviare una mini impresa», racconta. «Nel 90% dei casi si tratta di una bancarella di fronte a casa per vendere generi vari. Stiamo lavorando molto per poter ampliare la base del progetto, cercando di risolvere le criticità che si sono presentate nella prima fase. Nello specifico – spiega Mario – mi sto occupando del cosiddetto fund raising, indispensabile per poter andare avanti. Il progetto attualmente in corso ha come beneficiarie dieci «maman», donne rimaste vedove e senza sostentamento, il nuovo progetto ne prevede 120. Speriamo di riuscire a farcela». Già, il tempo è poco, i fondi ancora meno. Quale sarà la prossima tappa del suo viaggio, una volta finito il suo compito in Congo? «Ancora non lo so – dice Mario – ma mi piacerebbe tanto potesse essere l’Afghanistan».

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: