L’Europa diventa sempre più popolosa (e più vecchia)

30 12 2008

donne

Come sta la vecchia Europa? Sempre più popolosa, ma sempre più vecchia. E’ questo il ritratto del Vecchio Continente dipinto da Eurostat, l’istituto statistico europeo che nelle scorse settimane ha pubblicato uno studio con le proiezioni di incremento demografico nell’Ue per l’anno a venire. Secondo i calcoli degli statistici a dodici stelle, l’Unione europea toccherà la ragguardevole quota di mezzo miliardo di abitanti già a gennaio del nuovo anno. Nel 2008, infatti, la popolazione nei 27 stati dell’Unione è cresciuta in media dell’1.1 per mille, e dell’1.2 nell’eurozona vale a dire nei paesi che adottano la moneta unica europea.

Ad analizzare i dati stato per stato però, si legge chiaramente come la crescita della popolazione non sia affatto uniforme, e come anzi a paesi che “tirano la carretta” più di altri se ne affianchino altri con un saldo pericolosamente in negativo. I più alti tassi di crescita si registrano in Irlanda, che agguanta il primato assoluto con un +12 per mille; in Francia, seconda con un+4.5 per mille; nel Lussemburgo, con +4.3 a Cipro, +3.9 e nel Regno Unito: i sudditi di Sua Maestà Elisaetta II saranno il 3.6 per mille in più rispetto all’anno che sta per scadere.

C’è però chi non aumenta il proprio saldo demografico, anzi, lo vede drasticamente calare. E’ il caso della Bulgaria (-4.8 per mille), della Lettonia (-3.2) e dell’Ungheria (-3.1). Secondo gli analisti, la causa di un tale decremento è da ricercarsi nella combinazione di due fattori molto importanti: da un lato, l’alto tasso di mortalità dei paesi colpiti dal calo; dall’altro, invece, il sempre più consistente fenomeno di migrazione “interna” verso altri stati dell’Unione europea. Non a caso, sottolineano ancora i dati Eurostat, i paesi che più di altri hanno visto cresere veritginosamente il numero dei propri abitanti sono appunto quelli maggiormente interessati dal flusso migratorio “in entrata”: l’Irlanda, che si accaparra un altro primato con +14.1 immigrati ogni mille abitanti; la Slovenia, salita a +12.6; Cipro, con ben +11.7; e infine la Spagna, forte anche lei di un +10.2.

E’ un bilancio con il segno meno anche per la Germania, che si deve accontentare di un amaro -0.2 per mille, anche questo dovuto principalmente al fatto che l’immigrazione, nel 2008, è stata poco consistente.

E il nostro Paese? Con una crescita del 7.0 per mille, dovuto esclusivamente ad un incremento dei flussi migratori, l’Italia ha già raggiunto sessanta milioni di abitanti. Il Bel Paese però, assieme al Portogallo, registra un tasso di natalità fra i più bassi d’Europa: appena 9.6 nuovi nati ogni mille abitanti, due punti in meno rispetto a un tasso di mortalità che si attesta al 9.8 per mille.
La crescita della popolazione italiana, che avrebbe da sola un saldo negativo dello 0.2 per mille, è però trainata proprio dall’immigrazione, che nel 2008 ha toccato quota 8.1 per mille su una media europea del 3.3. Un dato che deve far riflettere sull’entità del fenomeno migratorio verso l’Italia: soprattutto considerato che, fatte le debite proporzioni sul numero di abitanti, esso risulta di gran lunga superiore, numericamente parlando, a quell’incremento del 14.1 per mille registrato dall’Irlanda quest’anno risultata la “primatista” d’Europa. Ma solo in percentuale.

Ma i dati Eurostat sono anche un preciso monito ai paesi colpiti dal maggior decremento demografico e dal più consistente fenomeno dell’invecchiamento della popolazione a mettere in campo politiche che possano invertire la pericolosa tendenza. E l’Italia non può certo chiamarsi fuori dal novero di questi paesi a bilancio negativo, dal momento che il segno + racimolato quest’anno è merito esclusivamente di un fattore esterno: l’incremento dell’immigrazione.

Così il Governo ci prova mettendo a disposizione degli italiani il “Bonus Famiglia”, ultimo in ordine di tempo tra i provvedimenti governativi in aiuto ai magri bilanci familiari. Si tratta di una somma, come si legge nei programmi dell’esecutivo, variabile da 200 a 1.000 euro a seconda della condizione economica di chi lo richiede, e che non costituisce reddito né ai fini fiscali né previdenziali e nemmeno ai fini del reddito-soglia per beneficiare della social card. Una “boccata d’ossigeno” in più, insomma, che non preclude l’accesso agli altri benefit governativi del pacchetto anti-crisi, ma che mira soprattutto a fornire un supporto economico alle famiglie italiane che si trovano in maggiore difficoltà.

Possono accedere al Bonus i residenti in territorio nazionale che facciano parte di una famiglia qualificata come “a basso reddito”, vale a dire introiti fino a 35mila euro di reddito complessivo familiare annuo. Il reddito-soglia spiega il decreto, varia in funzione del numero di componenti del nucleo familiare, nonché e della loro condizione, come nel caso di un pensionato o un portatore
di handicap, secondo una tabella comparativa speciale.

Per accedere ai benefici del bonus occorre presentare una domanda nella quale il richiedente comunica, attraverso il meccanismo dell’autocertificazione, i dati del coniuge non a carico e il suo codice fiscale; i dati dei figli, gli altri familiari a carico, la relazione di parentela e il rispettivo codice fiscale; infine, il fatto che il reddito complessivo familiare rientri effettivamente nei limiti richiesti dal decreto, e il periodo d’imposta –2007 o 2008 – in cui è stato realizzato il reddito. Per l’esecutivo, si tratta del “massimo sforzo possibile” da parte dello Stato in questo particolare momento di crisi. Nulla di fatto, dunque, per il tradizionale “bonus bebè” che avrebbe dovuto entrare in vigore con l’approvazione della finanziaria 2009-2011, e che sarebbe costare allo Stato qualcosa come 500 milioni di euro l’anno: il provvedimento dell’esecutivo parlava di un bonus di 1.000 euro per ogni nuovo nato a partire dal gennaio prossimo. La misura era stata già presentata lo scorso 18 giugno. Il nuovo decreto anti-crisi approvato dal Governo per sostenere le famiglie in difficoltà ha però convertito il vecchio bonus da 1.000 euro per ciascun nuovo nato in un prestito di 5mila euro destinato alle famiglie numerose, da restituire entro un quinquennio ad un tasso del 4%. Lo stanziamento complessivo da parte dello Stato per finanziare gli aiuti sarà di 25 milioni di euro, e verrà destinato alle famiglie alle prese con l’arrivo di un nuovo figlio nel 2009. Per ottenere il bonus, sarà neessario presentare domanda entro il 31 gennaio.

Si completa così, assieme alla social card approvata in novembre per fare fronte alla crisi e rilanciare i consumi “dal basso”, il quadro delle “stampelle” eonomico-fiscali con il quale il Governo mira a fornire ai soggetti in maggiore difficoltà i mezzi necessari al superamento dell’impasse generale.

Luca Pautasso

da L’Occidentale

Annunci

Azioni

Information

One response

5 01 2009
romandini riccardo

Social Card: profonda indignazione
Romandini Riccardo è abruzzese, qualcosa può farla anche lui scrivendo questa denuncia.
Giovedì 11/11/ 2008, all’indomani dell’uscita della normativa sulla “social card” ho accompagnato i miei genitori di 75 e 78 anni e con un reddito di 450 e 480 euro ciascuno, presso l’ufficio postale di Silvi Marina, in provincia di Teramo, per ritirare i moduli della “social card” presso l’Ente Patronato.
Ma davanti al commercialista dell’Ente, la grande sorpresa, o l’immensa bufala. Secondo la legge dell’attuale Governo in carica, che stabilisce i requisiti per l’attribuzione della stessa, i miei genitori non hanno diritto alla “social card”, poiché nell’abitazione di cui usufruiscono e risiedono, senza esserne proprietari, ma usufruttuari, vi è il “garage”. Vien da sorridere ma è così, il garage viene considerato “immobile di lusso”, perché è fonte di reddito. Anche se ne usufruisci, ossia anche se non lo possiedi. Questo è stato sufficiente per non avere avuto riconosciuto il diritto alla “social card”. Assurdo!
Spero si consideri come il fatto, sconcertante da renderlo pubblico. Gli italiani non meritano di essere presi più in giro in un momento in cui la solidarietà e l’aiuto dello Stato dovrebbe rappresentare un dovere.
Nella giornata di oggi mio padre ha saputo dall’Ente Patronato, che altri pensionati non hanno ricevuto lo stesso diritto per lo stesso motivo e per altri ancora più sconcertanti e che in molti sarebbero andati a protestare nelle sedi INPS interessate, dal momento che dai primi accertamenti sarebbe emerso che ad usufruirne sarebbe stato una persona su trenta………..ventinove anziani su trenta convinti di averne diritto. Come mai? Come si può spiegare? Siamo tutti ignoranti? Stai a vedere che è sempre colpa del cittadino che non si informa bene……….
In Italia i proprietari di immobili superano 85% della popolazione e di questo il 75% ha un garage, perché secondo una legge varata negli anni settanta, stabiliva che gli immobili di nuova costruzione dovevano avere annesso il garage. Questo governo non poteva non saperlo, anche prima di fare la SOCIAL CARD. E allora viene da chiedersi, a chi pensava di darne i benefici? Perché allora non ha spiegato bene, queste cose ai cittadini, invece di illuderli, e mortificarli come poi è accaduto? Le normative che contenevano i punti fondamentali che stabilivano il diritto all’erogazione sono arrivati agli Enti il giorno 10/11, prima di allora, nessuno sapeva con certezza quello che si nascondeva dietro la legge, tutti quegli anziani che prendevano sotto le 500 euro erano convinti di averne diritto. Come si può commettere un’azione così nei confronti di persone anziane e deboli, che non sanno come difendersi? Le persone che hanno lavorato una vita e con tanti sacrifici si sono comprati una casa o che ne usufruiscono anche senza esserne i proprietari e che vivono con meno di 500 euro al mese non possono vedersi negare un beneficio, anche se misero, che è stato tanto sbandierato in televisione, perché si ritenga che questi anziani non ne possano avere bisogno? Bisognerebbe avere più rispetto per queste persone, poiché è grazie a queste, che oggi molte persone occupano posizioni importanti e hanno una vita decorosa, proprio un bel ringraziamento. ……
“ Riccardo Romandini”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: