Rientrato dall’Egitto, Barrera riabbraccia la famiglia

3 10 2008

1223049221813

E’ FELICE, sorridente e finalmente a casa Michele Barrera, l’ottico 72enne in pensione rapito il 19 settembre scorso in Egitto insieme al gruppo di amici con il quale viaggiava. Porta ancora sulla fronte i segni di una bruciatura, ma per l’alpignanese non c’è niente di più importante di «esser tornato a casa sano e salvo». A fremere per lui, durante la prigionia durata 10 giorni, amici, sorelle e il figlio Andrea con la nuora Micaela e i nipotini Alberto e Paolo, che non vedevano l’ora di riabbracciarlo. Raccontare quello che è successo laggiù, per lui, è però un tabù: «I magistrati ci hanno chiesto il riserbo assoluto», che lui non ha intenzione di violare. Gli interrogativi sulla vicenda non mancano, soprattutto per le versioni contrastanti divulgate dai ministeri degli esteri italiano ed egiziano, ma sul rapimento sta indagando la procura della Repubblica, e Barrera vuole rispettare la consegna del silenzio… (segue)

Luca Pautasso

da Luna Nuova

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: